Linux Mind Italia

  • Giovedì 25 Aprile 2019, 00:48:10
  • Benvenuto, Visitatore
Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata

News:

Serve una mano per l'installazione di Linux? Prova questa semplice guida in tre parti (live - partizionamento - installazione).

collapse

* Canale Telegram

Canale informativo di riserva:
Linuxminditalia
https://t.me/linuxmind

* Mind-chat

Refresh History
  • bobol: :ciao:
    Ieri alle 18:39:30
  • cuzzo: cuccubau
    Ieri alle 16:40:11
  • trigg: :ciao:  :ciao:
    Ieri alle 13:16:59
  • Josh: Tony non so se è disponibile il ricambio a prezzi decenti. Ho trovato solo questo [link]
    Sabato 20 Aprile 2019, 21:06:28
  • Josh: grazie midnite. Il fatto è che dalle foto non si capisce se la trackpad ha solo la vernice consumata o sono arrivati allo strato successivo  :D scherzo. Comunque a me non è mai capitato forse perché compro solo portatili neri, che logicamente non hanno la vernice  :hmm:
    Sabato 20 Aprile 2019, 21:05:09
  • Tony: Oppure ha un costo da non valere la pena?
    Sabato 20 Aprile 2019, 20:14:37
  • Tony: Ma non si trova come ricambio, il trackpad?
    Sabato 20 Aprile 2019, 20:14:05
  • midnite: L'usura del track pad è normale perché la parte grigia è una sottile verniciatura, quindi a furia di sfregare il dito.... Anche il mio è messo così
    Sabato 20 Aprile 2019, 19:37:38
  • midnite: Josh, io ho un hp630, però il mio monta un celeron in quanto nato con SLE invece che win7... Qualche anno fa gli ho fatto un upgrade da 2 a 4 gb di ram, e per un po' è andato bene, di recente però per dargli nuova linfa ci ho investito una ventina d'euro per un ssd e devo dire che questo ha fatto la differenza. Ora ho debian 9 e in dulaboot ubuntu 19.04, entrambi a 64bit ed entrambi con gnome-shell (ubuntu 18.04 ci andava stretto, ma l'ultimo, rilascio è stato alleggerito)
    Sabato 20 Aprile 2019, 19:35:53
  • Josh: I soldi per uno nuovo intendo
    Sabato 20 Aprile 2019, 17:47:23
  • Josh: Peccato però, chissà quando troverò un'altra occasione semi decente visto che di soldi non se ne parla
    Sabato 20 Aprile 2019, 17:36:59
  • Josh: È talmente messo male che se uno lo accende si sente Robin Williams dire "Good morning Vietnam!"
    Sabato 20 Aprile 2019, 17:32:51
  • nessuno: Per quello che si vede nella foto quel portatile potrebbe anche avere le piattole...  ;D
    Sabato 20 Aprile 2019, 15:51:45
  • Tony: Comunque, effettivamente sembra che il trackpad sia stato usato per scratchare come fanno i DJ
    Sabato 20 Aprile 2019, 15:33:19
  • Tony: Ops, devo aver cancellato un messaggio per sbaglio :D
    Sabato 20 Aprile 2019, 15:32:21
  • Josh: In effetti non è ridotto benissimo. Cosa ci hanno fatto con la trackpad?
    Sabato 20 Aprile 2019, 09:19:58
  • nessuno: ... Anche senza fare troppo lo schizzinoso, a me sembra proprio una "zozzeria"... :)
    Sabato 20 Aprile 2019, 05:17:29
  • Josh: Hola! Ho trovato un HP 630 usato a 100 euro trattabili. Secondo voi ne vale la pena? Ecco delle foto [link]
    Venerdì 19 Aprile 2019, 23:37:26
  • mtj-mint: yep Tony, blocco facebook, hosts corretto, figura sia col www che come dominio. Se pingo facebook loopa su 127.0.0.1 ma se lo apro da firefox riesco cmq a raggiungerlo. FB ha un alias (da nslookup) e ho bloccato pure quello ma nisba.
    Venerdì 19 Aprile 2019, 07:01:42
  • Tony: Sicuro di aver messo in hosts l'indirizzo completo di www?
    Giovedì 18 Aprile 2019, 22:12:28
  • mtj-mint: Olà ciao nissciuno :)
    Giovedì 18 Aprile 2019, 19:24:37
  • nessuno: :ciao:
    Giovedì 18 Aprile 2019, 17:27:08
  • nessuno: ... Si, si... Solo attenti a non diventare ciechi.  :grin:
    Giovedì 18 Aprile 2019, 17:26:42
  • mtj-mint: ragazzi mettete la possibilità di modificare gli shout :D
    Giovedì 18 Aprile 2019, 14:19:06
  • mtj-mint: HAAHAHAH..  come esempio ho messo xxx.com e sto picio mi ha linkato davvero quel sito.. occhio ad aprirlo che non so cosa sia (ma me lo immagino) ahahahah
    Giovedì 18 Aprile 2019, 14:18:10
  • mtj-mint: Non credo.. blocco domini visualizza sia [link] che xxx.com entrambi bloccati.. firefox risolve senza filtri.. strano davvero  :hmm:
    Giovedì 18 Aprile 2019, 14:17:00
  • Tony: Questo è molto strano. Sicuro di non essere ridirezionato altrove?
    Giovedì 18 Aprile 2019, 13:49:57
  • cuzzo: gnau
    Mercoledì 17 Aprile 2019, 19:33:24
  • mtj-mint: Qualcuno sa perchè anche bloccando un dominio su file hosts, firefox me lo mostra tranquillamente?
    Mercoledì 17 Aprile 2019, 17:37:19
  • Tony: :palm:
    Mercoledì 17 Aprile 2019, 16:23:25

* Utenti On Line

  • Dot Visitatori: 9
  • Dot Nascosti: 0
  • Dot Utenti: 0

There aren't any users online.

Autore Topic: Linux desktop, che futuro?  (Letto 187 volte)

Mint-Marko

  • New Mind
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 41
  • Distro: Mint 18.2
Connesso
Desktop Mint 19.1 (Cinnamon 64bit) - RAM: 4 Giga - MoBo: G31MX Series - CPU: Intel Core 2 Quad CPU Q9400 @ 2.66GHz - GPU: GeForce 9500 GT - Audio: NM10/ICH7
Laptop Compaq Presario C700 - Mint 19.1 (Cinnamon 32bit)

Dani82

  • Jr. Mind
  • **
  • Offline Offline
  • Post: 91
  • Distro: Mint 18.3 cinnamon
Re:Linux desktop, che futuro?
« Risposta #1 il: Mercoledì 10 Aprile 2019, 15:22:42 »

Interessante articolo.
Forse il futuro di Linux è di "standardizzarsi" su un'unica distro versatile?
In fondo, il futuro è negli smartphone e tablet (o così dicono tutti...) quindi la scelta per il PC nel tempo si assottiglierà?
Ma no, io non credo.
A quanto ho capito (il mio inglese non è eccellente) la cosa che li preoccupa è la differenza tra le distro e Flatpack e Snap sono la soluzione. Che diventeranno sempre più importanti nel tempo.
Connesso

Mint-Marko

  • New Mind
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 41
  • Distro: Mint 18.2
Re:Linux desktop, che futuro?
« Risposta #2 il: Mercoledì 10 Aprile 2019, 21:50:21 »

Si, anche io non credo che il desktop tramonterà. Però è un peccato vedere tutte queste distro (e tutta la gente che ci lavora dietro) quando le energie potrebbero essero condivise per un unico grande progetto. Uno dei motivi del mio sfogo riguardo, per esempio, alla posizione delle icone del desktop che in svariate distro Linux presenta ancora problemi, era legato anche a questo aspetto. Non era una critica agli sviluppatori di Mint che anzi stanno facendo un lavoro eccellente. Ma al fatto che nell'ambiente Linux non si riesca a creare una vera comunità impegnata in un progetto comune. Continuano ad esserci bug e problemi (a volte ridicoli, come appunto la disposizione delle icone... dai... nel 2019...) quando basterebbe magari qualche sviluppatore in più per risolvere. Ma quegli sviluppatori sono magari già impegnati alla loro distro Linux. Oltretutto, si sta sfiorando il ridicolo. Voglio dire, migliaia di distribuzioni per cosa? A quale scopo? Ovvio che la stragrande maggiornanza di queste finiranno per assomigliarsi. La comunità Linux si sta frammentando a livelli preoccupanti. E capisco Lefebvre nella sua preoccupazione. Caxxo, apri DistroWatch e ti metti le mani nei capelli. Davvero... capisco che l'OpenSource è e deve rimanere libero. Ma sono gli sviluppatori che devono capire che il loro aiuto potrebbe essere essenziale per una distro magari già consolidata, come appunto è Mint. Questo non vuol dire necessariamente che non possono lavorare più sui loro progetti. Si tratta solo di unire le forze per aiutare quelle distro che ne hanno bisogno. Se no si rischia che lo spirito OpenSource si traformi in competizione.
E' solo un mio pensiero...
« Ultima modifica: Giovedì 11 Aprile 2019, 01:27:13 da Mint-Marko »
Connesso
Desktop Mint 19.1 (Cinnamon 64bit) - RAM: 4 Giga - MoBo: G31MX Series - CPU: Intel Core 2 Quad CPU Q9400 @ 2.66GHz - GPU: GeForce 9500 GT - Audio: NM10/ICH7
Laptop Compaq Presario C700 - Mint 19.1 (Cinnamon 32bit)

midnite

  • Staff
  • Legend Mind
  • ******
  • Offline Offline
  • Post: 12600
Re:Linux desktop, che futuro?
« Risposta #3 il: Mercoledì 10 Aprile 2019, 22:03:49 »

Pensiero più che condivisibile (è ogni tanto se ne parla), ma pensa che proprio mint è nata grazie a questa frammentazione...
In principio offriva lo stesso ambiente di ubuntu ma con una disposizione delle barre e un tema differente  :palm: quando sarebbe bastato un ppa per gli ottimi Mint tools.
Poi con l'avvento di gnome shell ha iniziato a sfornare extensions per customizzare l'ambiente (idea ottima e che avrebbe potuto raggiungere tutti gli utenti Linux) per poi creare un d.e. proprio: cinnamon, che inizialmente altro non era che un fork di shell (ora non più). Ed infine come come ultima mossa si è forkato pure programmi come l' editor di testo e il visualizzatore documenti (cerca le x-apps) ma davvero era necessario?!

evilwillneverdie

  • Ubuntu è un'antica parola africana che significa "Debian è troppo difficile da configurare"
  • Staff
  • Hero Mind
  • ******
  • Offline Offline
  • Post: 2208
  • Distro: Ubuntu 16.04 LTS Gnome Shell on Santech C37
  • In The Finnish Man We Trust Linux_User#577804
    • La mia Benefit Corporation
Re:Linux desktop, che futuro?
« Risposta #4 il: Mercoledì 17 Aprile 2019, 11:26:17 »

Sì, però onestamente io mi chiedo se Mint servisse realmente, a questo punto. Dal mio personalissimo punto di vista, che non pretendo certo sia condivisibile e non vuole scatenare flames, l'unica cosa davvero buona che ho trovato in Mint è stata questo piccolo forum, per il resto sono tornato a gambe levate a mamma Ubuntu e Debian in tempo zero, spaventato da Cinnamon che bastava un niente di personalizzazione per avere malfunzionamenti, in illo tempore, non so più ora come sia.
Da user di sistemi operativi per guadagnarmici il pane, ben venga una selezione naturale che porti a concentrarsi su poche distro ben fatte.
My two cents...  :ciao:

midnite

  • Staff
  • Legend Mind
  • ******
  • Offline Offline
  • Post: 12600
Re:Linux desktop, che futuro?
« Risposta #5 il: Sabato 20 Aprile 2019, 19:53:22 »

Io sono sempre stato piuttosto critico verso Cinnamon, sia per il come era nato (ennesimo fork) sia per i problemi che dava. Oggi però devo ammettere che la versione che c'è in mint 19 funziona bene ed è pure più parsimoniosa di risorse, hanno davvero fatto un bel passo avanti rispetto a quando è uscito.

È a dirla tutta non mi stupirebbe che nell'ottica di ottimizzare le risorse e ridurre la frammentazione, presto questo resti l'unico flavor di mint. La debian edition ha già fatto questo passo, e la main ha già abbandonato KDE....

Detto questo però condivido di più quello che ha fatto ubuntu: una volta che gnome-shell si è dimostrato maturo, sommato al fatto unity era rimasto di nicchia, ha migrato la main a questo d.e.,già adottato da tutte le principali distro (debian Fedora RHLE centos SLE...), e per distinguersi si è fatto la sua extension... Ma la base è quella che usano gli altri.