Linux Mind Italia

  • Giovedì 23 Gennaio 2020, 05:44:27
  • Benvenuto, Visitatore
Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata

News:

Rilasciata Debian 10 "buster" < clicca qui >

collapse

* Canale Telegram

Canale informativo di riserva:
Linuxminditalia
https://t.me/linuxmind

* Mind-chat

Refresh History
  • Pope: :D
    Lunedì 20 Gennaio 2020, 15:13:05
  • Tony: idem. una collega usa xp sul lavoro e già in passato le ho dovuto recuperare il PC colpito da un ramsonware
    Lunedì 20 Gennaio 2020, 10:01:25
  • Pope: Eh pensa che parlando con un conoscente mi ha detto che usa ancora XP....  :o io appena è terminato il supporto di Vista son passato al linux, altrimenti navigare risulta sconveniente
    Lunedì 20 Gennaio 2020, 05:52:30
  • midnite: mah, temo che non cambierà poi molto ... non è che smette di funzionare, semplicemente non riceverà più aggiornammenti (se non a pagamento) e non credo che tutti gli utenti "home" si fasceranno la testa per questo
    Domenica 19 Gennaio 2020, 18:13:40
  • Pope: Win 7 è andato in pensione il 14 gennaio...òo scopro ora...chissà quanti utenti nuovi di Linux... :ciao:
    Sabato 18 Gennaio 2020, 09:27:29
  • cuzzo: uau uau
    Venerdì 17 Gennaio 2020, 19:27:06
  • Tony: buongiorno
    Venerdì 17 Gennaio 2020, 06:36:20
  • bobol: :coffee:
    Venerdì 17 Gennaio 2020, 06:22:38
  • bobol: :ciao: oibò
    Mercoledì 15 Gennaio 2020, 19:08:40
  • Cavaleri Omar: Ehilà!!!
    Lunedì 13 Gennaio 2020, 12:20:05
  • bobol: :ciao:
    Sabato 11 Gennaio 2020, 23:36:43
  • VDZ1121: ciao a tutti
    Sabato 11 Gennaio 2020, 22:15:52
  • cuzzo: gnao
    Sabato 11 Gennaio 2020, 18:34:39
  • cuzzo: aloa
    Venerdì 10 Gennaio 2020, 21:42:07
  • bobol: :ok:
    Giovedì 09 Gennaio 2020, 06:46:53
  • cuzzo: bau
    Mercoledì 08 Gennaio 2020, 18:58:38
  • cuzzo: in ritardo ma auguri  :ciao:
    Mercoledì 08 Gennaio 2020, 01:29:13
  • Tony: :ciao:
    Lunedì 06 Gennaio 2020, 11:50:27
  • ejmint: Buon Anno a tutti
    Domenica 05 Gennaio 2020, 15:55:59
  • Josh: :ciao:
    Domenica 05 Gennaio 2020, 13:50:54
  • Pope: :ciao:
    Domenica 05 Gennaio 2020, 13:28:48
  • Umberto: :ciao:
    Domenica 05 Gennaio 2020, 12:16:06
  • bobol: :ciao:
    Domenica 05 Gennaio 2020, 10:34:00
  • Pope: Hppy new year boys
    Giovedì 02 Gennaio 2020, 19:59:46
  • spelly: Buon anno a tutti
    Giovedì 02 Gennaio 2020, 09:59:30
  • Josh: Buon anno a tutti!
    Mercoledì 01 Gennaio 2020, 13:24:49
  • aldotar: Auguriiiiiiii
    Mercoledì 01 Gennaio 2020, 12:14:20
  • trigg: :ciao:
    Mercoledì 01 Gennaio 2020, 12:08:11
  • trigg: felice 2020 a tutti, un'augurio sentito e sincero :)
    Mercoledì 01 Gennaio 2020, 12:08:00
  • bobol: :cincin:
    Mercoledì 01 Gennaio 2020, 11:06:01

* Utenti On Line

  • Dot Visitatori: 1
  • Dot Nascosti: 0
  • Dot Utenti: 0

There aren't any users online.

Autore Topic: Slackware live test  (Letto 527 volte)

Umberto

  • Full Mind
  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 439
  • Distro: Arch Linux; Slackware Current KDE5
Re:Slackware live test
« Risposta #30 il: Sabato 30 Novembre 2019, 06:39:07 »

Il lavoro che fanno con le versioni basate sui Windows Manager è sempre molto accurato, anche bello. Sono in gamba quei ragazzi della community di manjaro.

Avevo scaricato anch'io la iso, solo per curiosità, l'ho avviata in una MV e si è proprio carina.  :)
Connesso

Umberto

  • Full Mind
  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 439
  • Distro: Arch Linux; Slackware Current KDE5
Re:Slackware live test
« Risposta #31 il: Venerdì 20 Dicembre 2019, 21:51:55 »

...Tornando a Slackware, ho fatto un esperimento:

con lo script che si occupa di creare una live persistente, sulla quale si possono salvare dati e installare/rimuovere programmi, si ottiene un partizionamento di questo tipo:

   partizione n.1 = Bios Boot Partition         1 mib fat16 

   partizione n.2 =  EFI System Partition     100 mib  fat32   

   partizione n.3 =  Slackware Linux            tutto il resto del disco in ext4

Quello che interessava a me era fare in modo che la partizione con il sistema (persistente) non occupasse tutta la chiavetta ma mi lasciasse lo spazio per una partizione da formattare in fat 32, così che, oltre ad avere uno spazio di archiviazione consistente per il sistema live, potessi conservare la possibilità di utilizzare quei dati come farei con una comunissima chiavetta (su un computer windows, la televisione per i video, ecc.).

Il primo tentativo è stato un lavoro sporco, anche se funzionava bene (nonostante i messaggi di errore all'avvio):

una volta installato il sistema sulla chiavetta, con gparted, ho ridotto la partizione linux e ne ho ricavato una partizione dos.

Quel messaggio di errore relativo allo squashfs in avvio però, anche se perfettamente innocuo, mi ha convinto a cercare una strada alternativa.

Effettivamente è stato semplice: leggendo lo script per la creazione di una usb con persistenza, iso2usb.sh, ho trovato l'istruzione per la creazione delle partizioni e, al rigo n. 623, dove si stabilisce il settore di inizio della partizione e il settore finale della stessa, ho cambiato il valore 0 (che indica la fine del disco) con un valore finito.

Nel mio caso 25.000.000

prima


dopo


Quello che ho ottenuto è stato di limitare la partizione Linux a 11,2 GiB dei 57 GiB disponibili.

Con lo spazio vuoto ottenuto ho creato una partizione di oltre 45 GiB che ho formattato in fat32.



Esperimento riuscito.  :)

 :ciao: 
Connesso

Umberto

  • Full Mind
  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 439
  • Distro: Arch Linux; Slackware Current KDE5
Re:Slackware live test
« Risposta #32 il: Domenica 22 Dicembre 2019, 06:54:27 »

Il passo conclusivo dell'esperimento nel post precedente è quello di fare in modo che il sistema "monti" in avvio la partizione ottenuta, io ho fatto così:

da root,

ho creato una cartella da utilizzare come punto di mount, io l'ho chiamata "Contenitore":

Codice: [Seleziona]
mkdir /mnt/Contenitore
poi, con il comando "blkid", ho individuato il UUID della partzione da montare:

Codice: [Seleziona]
# blkid
/dev/sdb1: UUID="c282d0ca-7be2-4721-a781-449c81ccbee8" TYPE="ext4" PARTUUID="fdacc831-01"
/dev/sdb2: UUID="ce4b9a06-fd9a-4ea7-b9f6-1c4934997cd4" TYPE="ext4" PARTUUID="fdacc831-02"
/dev/sdb4: UUID="c4b72511-b16a-4116-9d0c-cd0f52510154" TYPE="ext4" PARTUUID="fdacc831-04"
/dev/sdc1: LABEL="Home" UUID="6f961258-688e-4749-be2a-712d6aaa1dba" TYPE="ext4" PARTUUID="c29c66ae-01"
/dev/sdd1: UUID="b325dde9-604f-4cd3-876b-880780751099" TYPE="ext4" PARTLABEL="ArchLinux" PARTUUID="8c3e18a7-87c0-4f41-848a-addaabd4c33f"
/dev/sdd2: UUID="313e10ce-9ab2-42f3-bae3-7fa03cc8f97e" TYPE="swap" PARTLABEL="SWAP" PARTUUID="06766d93-e9b0-45d4-a64c-84371de6d737"
/dev/sdd3: UUID="2ef2cac6-6723-462b-abe2-a5e2c526bb81" TYPE="ext4" PARTUUID="0a9f835b-9991-4203-8949-8fd48f073043"
/dev/sde1: SEC_TYPE="msdos" LABEL_FATBOOT="DOS" LABEL="DOS" UUID="445F-328E" TYPE="vfat" PARTLABEL="BIOS Boot Partition" PARTUUID="63b5d31d-74af-4aed-a2f6-8167041bbfa0"
/dev/sde2: LABEL_FATBOOT="EFI" LABEL="EFI" UUID="4460-E219" TYPE="vfat" PARTLABEL="EFI System Partition" PARTUUID="1515986c-e56f-4c1b-9cb1-697579a3403b"
/dev/sde3: LABEL="LIVESLAK" UUID="f0822866-ea96-4de8-a675-bfb39af01c5b" TYPE="ext4" PARTLABEL="Slackware Linux" PARTUUID="c266d638-9859-4937-920d-8d730c499367"
/dev/sde4: LABEL_FATBOOT="CONTENITORE" LABEL="CONTENITORE" UUID="85AB-F666" TYPE="vfat" PARTUUID="3f9125fe-071e-4c23-8e0b-c14d45f1c8d4"
#

Ecco la partizione che mi interessa, il UUID è 85AB-F666:

Codice: [Seleziona]
/dev/sde4: LABEL_FATBOOT="CONTENITORE" LABEL="CONTENITORE" UUID="85AB-F666" TYPE="vfat" PARTUUID="3f9125fe-071e-4c23-8e0b-c14d45f1c8d4"
con l'UUID ottenuto costruisco la riga da aggiungere in fondo al file /etc/fstab, eccola:

Codice: [Seleziona]
UUID=85AB-F666 /mnt/Contenitore     vfat    dmask=000,fmask=0111,user 0    0
Una volta aggiunto il rigo il mio file fstab è diventato così:

Codice: [Seleziona]
# /etc/fstab: static file system information.
#
# <file system> <mount point>   <type>  <options>       <dump>  <pass>

proc /proc proc defaults 0 0
sysfs /sys sysfs defaults 0 0
tmpfs /tmp tmpfs defaults,nodev,nosuid,mode=1777 0 0
tmpfs /var/tmp tmpfs defaults,nodev,nosuid,mode=1777 0 0
tmpfs /dev/shm tmpfs defaults,nodev,nosuid,mode=1777 0 0
devpts /dev/pts devpts gid=5,mode=620 0 0
none / tmpfs defaults 1 1
UUID=85AB-F666 /mnt/Contenitore     vfat    dmask=000,fmask=0111,user 0    0

E' un po' strano perché è il fstab di un sistema live.

Riavviata la macchina è sufficiente usare il file manager per accedere alla directory /mnt/Contenitore e creare link che puntano ad essa nella home, sulla Scrivania o dove si preferisce.

Un'ultima considerazione, dal momento che si tratta di un sistema Live (con persistenza) la cui dimensione è stata ridotta per fare spazio alla nuova partizione: quello che rimane a disposizione della persistenza, nel mio caso, sono gli 11,2 GiB della dimensione di partenza, meno la dimensione del mio sistema live che è di 3,7 GiB.

7,5 GiB totali disponibili.

Per evitare di starci risicato in quei 7,5 GiB, che preferisco lasciare disponibili per l'installazione di programmi e cose che comunque sono più strettamente legate alla gestione del sistema, ho spostato le cartelle della mia home che solitamente generano il maggior movimento di dati (le cartelle Video, Musica e Scaricati per esempio) nella nuova partizione fat 32 e ho creato dei collegamenti per le stesse cartelle nella mia home.

Naturalmente, nella posizione in cui si trovano adesso, quelle cartelle saranno immediatamente disponibili su qualsiasi dispositivo possa leggerne i files, indipendentemente dal sistema live che li ha generati.


« Ultima modifica: Domenica 22 Dicembre 2019, 07:09:42 da Umberto »
Connesso

bobol

  • FOM (Free and Open Mind)
  • Staff
  • Legend Mind
  • ******
  • Offline Offline
  • Post: 6516
  • Distro: SalentOS Neriton 2.0
  • Work & Fun with Linux
Re:Slackware live test
« Risposta #33 il: Domenica 22 Dicembre 2019, 09:05:50 »

Molto interessante Umberto, grazie per la condivisione